Riforma Terzo Settore

In arrivo 80 milioni di euro per sostenere le organizzazioni di volontariato, le associazioni di promozione sociale e le Onlus impegnate nell’emergenza Covid-19 che operano nelle regioni del Sud Italia, in Lombardia e in Veneto.

L’avviso 290/2021 del 20 dicembre 2021 (art. 246 del dl 19 maggio 2020, n. 34, convertito in legge 17 luglio 2020, n. 77) pubblicato sul sito dell’Agenzia per la Coesione territoriale destina 64 milioni di euro alle organizzazioni operanti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia e 16 milioni di euro a Lombardia e Veneto e nasce dalla collaborazione tra l’Agenzia per la Coesione Territoriale e il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (DG Terzo settore) con il coinvolgimento delle Regioni interessate e del Forum del Nazionale del Terzo settore.

Scadenza per invio dell’istanza: ore 23.59 del 04.02.2022

Chi può presentare richiesta:
• Organizzazioni di Volontariato con sede operativa in una delle regioni indicate nell’avviso che, alla data di pubblicazione dello stesso risultino iscritte nei registri di cui alla Legge 11 agosto 1991, n. 266;
• Associazioni di promozione sociale con sede operativa in una delle regioni indicate nell’avviso che alla data di pubblicazione dello stesso risultino iscritte nei registri nazionale, regionali previsti dall’articolo 7 della Legge 7 dicembre 2000, n. 383;
• Organizzazioni non lucrative di utilità sociale di cui all’articolo 10 del Decreto Legislativo 4 dicembre 1997, n. 460 con sede operativa in una delle regioni indicate nell’avviso che alla data di pubblicazione dello stesso risultino iscritte nella relativa anagrafe.

Ambiti di intervento: il contributo è destinato agli enti che hanno svolto, in coerenza con i rispettivi statuti, nel periodo compreso tra il 31.01.2020 e il 31.12.2021, almeno una delle seguenti attività di interesse generale previste all’articolo 5, comma 1, del D.lgs. n. 117/2017:
a) interventi e servizi sociali ai sensi dell’articolo 1, commi 1 e 2, della Legge 8 novembre 2000 n. 328, e successive modificazioni, e interventi, servizi e prestazioni di cui alla Legge 5 febbraio 1992, n. 104, e alla Legge 22 giugno 2016, n. 112 e successive modificazioni;
c) prestazioni socio-sanitarie di cui al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 14 febbraio 2001, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 129 del 6 giugno 2001, e successive modificazioni;
d) educazione, istruzione e formazione professionale, ai sensi della Legge 28 marzo 2003, n. 53, e successive modificazioni, nonché le attività culturali di interesse sociale con finalità educativa;
e) interventi e servizi finalizzati alla salvaguardia e al miglioramento delle condizioni dell’ambiente e all’utilizzazione accorta e razionale delle risorse naturali, con esclusione dell’attività, esercitata abitualmente, di raccolta e riciclaggio dei rifiuti urbani, speciali e pericolosi, nonché alla tutela degli animali e prevenzione del randagismo, ai sensi della Legge 14 agosto 1991, n. 281;
f) interventi di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e del paesaggio, ai sensi del Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, e successive modificazioni;
i) organizzazione e gestione di attività culturali, artistiche o ricreative di interesse sociale, incluse attività, anche editoriali, di promozione e diffusione della cultura e della pratica del volontariato e delle attività di interesse generali di cui all’art. 5 del D.lgs. n. 117/2017;
l) formazione extra-scolastica, finalizzata alla prevenzione della dispersione scolastica e al successo scolastico e formativo, alla prevenzione del bullismo e al contrasto della povertà educativa;
m) servizi strumentali ad Enti del Terzo settore resi da enti composti in misura non inferiore al settanta per cento da Enti del Terzo Settore;
p) servizi finalizzati all’inserimento o al reinserimento nel mercato del lavoro dei lavoratori e delle persone di cui all’articolo 2, comma 4, del Decreto Legislativo recante revisione della disciplina in materia di impresa sociale, di cui all’articolo 1, comma 2, lettera c), della Legge 6 giugno 2016, n. 106;
q) alloggio sociale, ai sensi del decreto del Ministero delle infrastrutture del 22 aprile 2008, e successive modificazioni, nonché ogni altra attività di carattere residenziale temporaneo diretta a soddisfare bisogni sociali, sanitari, culturali, formativi o lavorativi;
r) accoglienza umanitaria ed integrazione sociale dei migranti;
s) agricoltura sociale, ai sensi dell’articolo 2 della Legge 18 agosto 2015, n. 141, e successive modificazioni;
t) organizzazione e gestione di attività sportive dilettantistiche;
u) beneficienza, sostegno a distanza, cessione gratuita di alimenti o prodotti di cui alla legge 19 agosto 2016, n. 166, e successive modificazioni, o erogazione di denaro, beni o servizi a sostegno di persone svantaggiate o di attività di interesse generale a norma dell’art. 5 del D.lgs. n. 117/2017;
v) promozione della cultura della legalità, della pace tra i popoli, della nonviolenza e della difesa non armata;
w) promozione e tutela dei diritti umani, civili, sociali e politici, nonché dei diritti dei consumatori e degli utenti delle attività di interesse generale di cui al presente articolo, promozione delle pari opportunità e delle iniziative di aiuto reciproco, incluse le banche dei tempi di cui all’articolo 27 della Legge 8 marzo 2000, n. 53, e i gruppi di acquisto solidale di cui all’articolo 1, comma 266, della Legge 24 dicembre 2007, n. 244;
z) riqualificazione di beni pubblici inutilizzati o di beni confiscati alla criminalità organizzata.

 

Come presentare domanda:

L’istanza potrà essere caricata tramite la piattaforma elettronica “Ets Fondo Sviluppo e Coesione” disponibile collegandosi al portale Servizi Lavoro tramite il link https://servizi.lavoro.gov.it entrando con credenziali SPID o carta d’identità elettronica del rappresentante legale.

 

ATT.NE  – Prima di procedere con la procedura d’istanza, si invita a leggere attentamente la

SCHEDA SINTETICA DI PRESENTAZIONE – UNPLI VENETO

e il

Manuale-Istanza-Fondo-Coesione_1.1-1

cambiano infatti le indicazioni per chi risulta iscritto al Registro Nazionale APS e chi al Registro Regionale APS.

Non ricordi il tuo codice o data di iscrizione al Registro? Lo trovi qui  https://www.unpliveneto.it/riforma-terzo-settore/

29 dicembre 2021

FINANZIAMENTI PER ETS IMPEGNATI NELL’EMERGENZA COVID19

Nuova opportunita' di finanziamento per Associazioni in APS - scad. 04.02.22
15 giugno 2021

SOFTWARE ASSO360 GESTIONE CONTABILITA’ E BILANCIO

E' attiva un'offerta commerciale riservata alle Pro Loco venete
15 aprile 2021

GESTIONE BILANCIO – WEBINAR FORMATIVO

Secondo ciclo di incontri per le Pro Loco sul tema del Terzo Settore
2 aprile 2021

APPROVAZIONE BILANCI: PROROGATO IL TERMINE

Il nuovo decreto del 31 marzo proroga i termini per tutte le realtà associative
24 marzo 2021

DECRETO SOSTEGNI: MISURE A FAVORE ENTI NON COMMERCIALI

contributo a fondo perduto anche per gli enti non commerciali e del Terzo settore
19 marzo 2021

TERZO SETTORE: ISCRIZIONE AL RUNTS E ADEGUAMENTI

Si riporta la nota informativa del consulente nazionale, avv. Gabriele Sepio
15 marzo 2021

POSSIBILITA’ BONUS 110% PER LE PRO LOCO APS

Parliamo di incentivi fiscali che possono essere riconosciuti anche alle Pro Loco APS
11 marzo 2021

AL VIA LE NUOVE ISCRIZIONI PER 5X1000 2021

Pubblicato l'elenco permanente e al via le iscrizioni 2021
12 febbraio 2021

NUOVI SCHEMI DI BILANCIO PER APS: WEBINAR INFORMATIVO

Al via incontri informativo-formativi per le Pro Loco sul tema del Terzo Settore
21 gennaio 2021

BANDO REGIONALE PER ASSOCIAZIONI APS 2021

Nuova possibilità per iniziative e progetti di associazioni APS